Chiara Daino
CORPI DI CARTA CHIARA
SIETE DEI SIETE DEI
Il Leggio
2016, Romanzo
L'Arte del Ragno L'ARTE DEL RAGNO
Lulu.com
2015, Versi
Al Pubblico Nemico AL PUBBLICO NEMICO
Lulu.com
2014, Romanzo
Siamo Soli [morirò a Parigi] SIAMO SOLI [MORIRÒ A PARIGI]
Zona Editrice
2013, Romanzo
L'Eretista L'ERETISTA
Sigismundus Editrice
2011, Romanzo
Lupus Metallorum LUPUS METALLORUM
Lulu.com
2011, Opera Martire
Metalli Commedia METALLI COMMEDIA
Thauma Edizioni
2010, Poema Borchiato
Virus 71 VIRUS 71
Aìsara Edizioni
2010, Versi
La Merca LA MERCA
Fara Editore
2006, Romanzo
Blog



MySpace Estratto da MySpace
19 Giugno 2009 02:45:00
Look into the future look into my eyes and tell me... [ Ozzy Osbourne ]

È l’ultimo, è l’unico modo residuo – per essere poeta. Dirsi corpo di poesia è solo memoria di muscoli: sorridere al più potente/prepotente, strizzare l’occhio/orecchio alla cricca/combriccola che calca – l’orma perfetta, il buonismo grafico e semantico.
[A noi non resta che. Vestire i Vostri scarti: il Ruolo degli Impuri, la Cattiva Letteratura, il Fattore Fastidio e i Suoni Molesti]. E si resta. In tutto questo friggere di aria e sbandierare un sincero (?) sentire sociale – chi porta poesia è ignorante. Incide chi Vi ignora. E si lecca le ferite mentre Voi leccate rapaci, felpate lingue. Chi mangia chi? Chi pubblica chi? Nella buca dei perché – il suggeritore satanasso sorride, in silenzio. E chi resta fuori [dal gregge dell’Arca/Arcadia], Vi ignora. Dopo l’immenso dispiacere, l’onere di conoscerVi. Di persona. Ché è qualcosa di personale: siete al servizio di un senso mancato. Di un accordo muto che incanta il vuoto. Che cade nel vuoto. Ecco come parla il popolo silente: pèrdono tutti! Certo più comoda la vostra lettura. Avete artefatto l’assoluzione: perdòno tutti. Leggete come cifrato vi coccoli, senza ombra di calunnia, di condanna. Per il popolo silente siete colpevoli. Tutti. Tutti i Vostri scheletri triti in teche/techne. E se si può (?) pestare la Vostra regola, se si può (?) turbare la nebbia con la rabbia, se si può (?) cremare la Vostra schiuma teorica – è solo perché siamo: quella piccola piccola parte. Il popolo silente che r’esiste. Vi conosce. E Vi ignora. Viva per la lingua muta: è una piccola piccola particella impazzita. Cambia la marcia chi non merita, chi non mistifica – tutto questo strisciare. A tempo debito: non siamo in saldo! Vi piace il suono del silenzio? E se (Ne) scriviamo? Se la bestie da macello, ora macellano? La fiera della Vostre vanità è zuppa. E ora? Ora che il legno è molle e putrido? Ora come ci vince il Vostro mulino? L’avorio delle Vostre torri è cariato, è corrotto. E il popolo silente (Vi) aspetta, nel silenzio carico di cicatrici. Il popolo silente (Vi) ignora e vive. In attesa: la verità non ha fretta. Eterna il clima, quando piove. Tempesta via i Vostri deserti. Il popolo silente è un popolo di Attori: rubate pure le nostre scene – non siete credibili. Avanzi di spettacolo per paupulare in cortile. Il popolo silente è un popolo bastardo: abbiamo sangue misto, di bile e miele, flogosi di flagelli, rugiada che respira. Il popolo silente è un popolo pallido che porta panico: le pupille come coltello, la frase felina in furia – a fondere, affonda. Il popolo silente è un popolo pericoloso: non ha paura di piangere. Nel dolore la nostra dignità. Nelle fitte il nostro riscatto. Nelle mani – giunte – le corazze per contrasto, per Essere nonostante. E si forgia nella lacrima una lama senza scorie: il valore di chi non è pronto a morire, senza prima combattere. Il popolo silente è un popolo ignorante: non Vi considera. Degni di lotta, degni di nota. E pulitevi la bocca prima – di tentare la frase metallica: non parlate di metallo ai metallari! Non commentiamo, ma abbiamo letto. Tocchiamo, forse, il Vostro Spinoza? Citiamo a scudo i Vostri “Montale!”? Perché, quindi, chiamate in causa – per le Vostre cause – i Nostri Borchiati Poeti? Che, da sempre, ignorate: TIME HAS TAKEN ITS TOLL ON YOU/THE LINES THAT CRACK YOUR FACE. Il popolo silente prepara le “Casse” per Voi: Ready to sing their enemies their last lullabies/The sunlight disappears, only torchlights break the dark/Depressive silence broken only by hard pounding hearts/Mist falls down shrouding the field in mystery/After this night all false metallers will rest in peace. Il popolo silente è un popolo di bambini, reduci dal massacro: Children Of Bodom.

C.D.

[ Es - Tratto da: Absolute Poetry, 09/06/2009 ]http://lellovoce.altervista.org/spip.php?article1743
Maggiori dettagli...


Share/Save/Bookmark




ChiaraDaino.it © 2011

ARCHIVIO STORICO

19 Giugno 2009 02:45:00
IL POETA IGNORANTE E IL POPOLO SILENTE


15 Giugno 2009 05:17:50
una vita a titoli. o viceversa


09 Giugno 2009 02:14:43
APERTIS VERBIS [ A CHIARE LETTERE ]


Vedi tutti...