Chiara Daino
CORPI DI CARTA CHIARA
SIETE DEI SIETE DEI
Il Leggio
2016, Romanzo
L'Arte del Ragno L'ARTE DEL RAGNO
Lulu.com
2015, Versi
Al Pubblico Nemico AL PUBBLICO NEMICO
Lulu.com
2014, Romanzo
Siamo Soli [morirò a Parigi] SIAMO SOLI [MORIRÒ A PARIGI]
Zona Editrice
2013, Romanzo
L'Eretista L'ERETISTA
Sigismundus Editrice
2011, Romanzo
Lupus Metallorum LUPUS METALLORUM
Lulu.com
2011, Opera Martire
Metalli Commedia METALLI COMMEDIA
Thauma Edizioni
2010, Poema Borchiato
Virus 71 VIRUS 71
Aìsara Edizioni
2010, Versi
La Merca LA MERCA
Fara Editore
2006, Romanzo
Blog



Metaliteracy Estratto da Metaliteracy
23 Dicembre 2011 00:34:28

Morire per la Fede. «Martirio» e «Martire» sono termini che evocano la fine cruenta di chi sacrifica la propria vita in nome di un Credo. E chiunque creda nella Parola sa che ogni Parola è un ventaglio di sensi e di significati, una materia viva che evolve in base all’uso quotidiano, all’appalto storico, all’impiego letterato e mediatico.

Pasternak chiama gli studenti «martiri dello studio» e siamo tutti martiri. «Martire» deriva dal greco µ??t??, «testimone» – e non siamo forse tutti testimoni? «Opera Martire» è definizione che nasce per indicare una testimonianza diretta, al di là delle forme scelte per esprimersi. Si tratti di Letteratura, Musica, Pittura, ... L’Opera Martire è sintesi e summa di un’esperienza diretta. Lupus Metallorum inaugura questa definizione, elogiando i MARTIRI DEL METAL, i testimoni fisici e spirituali di un’Arte, di una Filosofia e di un’Etica precise.

Piccola premessa per palesare il titolo: nell’iconografia alchemica il Lupus Metallorum è il Lupo dei Metalli che divora il Leone per liberarlo; è il procedimento per raffinare l’oro impuro mediante l’antimonio. Nell’iconografia classica l’Aurea Poesia sposa Petrarca e non, ad esempio, i Pantera. Nell’immaginario collettivo il “poeta contemporaneo”, nuovo cantore della nostra epoca, può vestire i panni di un cantautore [serio, posato e socialmente impegnato], ma non il chiodo, gli anfibi e le borchie. E perché? La Repubblica delle Lettere, la solita cerchia – incensa e canta la solita solfa: «questa è Poesia!», «questa non è Poesia!». E per quale ignota ragione, per i critici miopi, Fabrizio De André è un Poeta e James Hetfield no? Rifiuto questa secolare, tutta italiota, celebrazione «a scomparsa»: si lodano solo i trapassati. E se amore per i defunti deve essere, allora perché non ricordare, Artisti superlativi, anche Dime o Cliff o Ronnie?

Da questa semplice rivolta è nato tutto: «rivolta dell’Anima» contro la «rivolta delle Dentiere» [splendida definizione che una cantante lirica coniò per riassumere il monotono morboso meccanismo che smandibolano i mortinvita].

Circa tre anni fa, convocata per l’ennesimo reading poetico, declamai Il Triste Vero e grandinarono strette di mano e complimenti per versi “particolarmente incisivi”. E fu la prima volta che sorrisi, la prima volta che ammirai [candida carogna!] i critici presenti impallidire – non appena svelai l’origine di quei versi. Non pensavo potesse essere “sconvolgente” dichiarare che, in realtà, Il Triste Vero è semplicemente una trasposizione di Sad but True dei Metallica [e parlo di trasposizione e non di traduzione alla lettera perché così non è. E così non potrebbe essere: l’Inglese è una lingua sintetica e l’Italiano deve praticare «le dovute trasposizioni» per riportarne i messaggi  in armonia di suoni].

Borchia! E Lettera borchiata fu e i “poeti puri” impallidirono, gridando: «sacrilegio!». E ancora si contorcono, i “poeti puri”, per la Poetica Metallica.

E così, credendoci, per Fedeltà [le traduzioni dei testi Metal reperibili in rete sono orride e non rendono giustizia agli Autori], e per Gioco [un gioco grave, la tenera tomba che resuscita scintille] nasce Lupus Metallorum: canzoni di Metallo nobile. Versioni che seguono il suono, che piegano l’Italiano al senso di comunione, lontano dai pregiudizi, lungo il monito di Majakovskij: «leggete i libri di ferro!».

TAVOLE E GRAFICHE di Daniele Assereto, TESTI di Chiara Daino

On my Heavy Metal Christmas my true blood gave to me:

12 silver months
11 black mascaras
10 pairs of wellingtons
9 laced suits
8 pentagrams
7 leather jackets
6 casks of Beck’s
5 skull armbands
4 quarts of Bally
3 studded belts
2 pairs of leather pants
and a book of Poetry!

On my Heavy Metal Christmas my true blood gave to me: THE LUPUS’POETRY!

For Everybody:
http://www.lulu.com/product/ebook/lupus-metallorum/18767322

For Fervent Ones:
http://www.lulu.com/product/copertina-rigida/lupus-metallorum/18745986



Maggiori dettagli...


Share/Save/Bookmark




ChiaraDaino.it © 2011

ARCHIVIO STORICO

23 Dicembre 2011 00:34:28
LUPUS METALLORUM: L’OPERA MARTIRE


22 Dicembre 2011 23:59:49
L'OPERA MARTIRE [On my Heavy Metal Christmas]


22 Dicembre 2011 23:59:49


Vedi tutti...