Chiara Daino
CORPI DI CARTA CHIARA
SIETE DEI SIETE DEI
Il Leggio
2016, Romanzo
L'Arte del Ragno L'ARTE DEL RAGNO
Lulu.com
2015, Versi
Al Pubblico Nemico AL PUBBLICO NEMICO
Lulu.com
2014, Romanzo
Siamo Soli [morirò a Parigi] SIAMO SOLI [MORIRÒ A PARIGI]
Zona Editrice
2013, Romanzo
L'Eretista L'ERETISTA
Sigismundus Editrice
2011, Romanzo
Lupus Metallorum LUPUS METALLORUM
Lulu.com
2011, Opera Martire
Metalli Commedia METALLI COMMEDIA
Thauma Edizioni
2010, Poema Borchiato
Virus 71 VIRUS 71
Aìsara Edizioni
2010, Versi
La Merca LA MERCA
Fara Editore
2006, Romanzo
Blog



PostPopuli Estratto da PostPopuli
03 Ottobre 2012 12:00:00

Jacopo Ratini (da lasinochevola.com)

«Sai perché non hai ancora fatto i soldi con la scrittura?» m’interroga l’allampanato [e *lampadato*] bipede sorridente – e la tentazione di sgranare un rosario di motivazioni e di imprecazioni è tanta, ma taccio e ascolto l’ennesimo guru improvvisatosi mio salvatore: «hai deciso di vivere di parole ed è una scelta lodevole perché per te è un mestiere e non un hobby, ma alla gente piace chi si piace. Per questo non hai ancora fatto i soldi. Hai notizia di uno scrittore famoso autodistruttivo?». Omettendo le borchiate verbali esplose con violenza diaframmatica, trascino i miei anfibi lontano, ripensando alla povertà [soprattutto spirituale] che vessa la Penisola… Scatto sinaptico subitaneo ed eccomi a cantare «Ho fatto i soldi facili» di Jacopo Ratini [che ringrazio per aver accettato, con entusiasmo e professionalità estrema, essere intervistato].

1.Anno Domini 1982: come vivi la tua generazione? O meglio: possiamo ancora parlare di «generazione» in termini sociologici? Esistono comuni denominatori e ideali da rispettare o siamo davvero tutti parte di quella tanto disprezzata «(de)generazione internet»? Approfondendo: qual è il tuo rapporto con la Rete? A livello artistico è un’opportunità aggiunta alla diffusione musicale o crea un’eccedenza che livella le differenze qualitative?

La nostra generazione si ritrova a pagare qualcosa che le generazioni passate hanno sbagliato a prevedere o hanno previsto male. Ciò non toglie che spesso ciò diventa un alibi. La soluzione, a mio avviso, è sapersi adattare al nuovo sistema portando le proprie idee e le proprie convinzioni, cercando di cambiarlo, quantomeno nel piccolo.
Internet è un’arma a doppio taglio. Se da una parte ti dà la possibilità di una visibilità immediata e immensa, dall’altra, la facilità di accesso alla rete (e ai social), ha fatto sì che la nicchia diventi calderone e, nel calderone, risulti sempre più difficile trovare materiale di buona qualità e fattura.

2.Dovessi scegliere una colonna sonora del tuo Essere Musica e del tuo percorso di cantautore: «Stairway to Heaven» o «Highway to Hell»?

Sceglierei “Have you ever seen the rain”

3.La scelta di cantare in italiano [e m’inchino ché so bene quanto difficile sia la nostra amata Lingua e non pochi nostri connazionali hanno scelto l’inglese per esprimersi] dove si radica?

È la mia lingua, è quella che conosco meglio e “dovrebbi sappere” parlare meglio (oddio, mica tanto…)

4.Nell’atto creativo/compositivo, come bilanci il difficile equilibrio tra suono e senso?

Solitamente inizio trovando un sound, a mio avviso, appropriato da correlare ad una frase, un concetto, una parola a cui avevo già trovato o dato un senso compiuto in precedenza.

5.Il simile odia il simile? Già per Esiodo «il vasaio odia il vasaio, l’aedo odia l’aedo e il mendicante odia il mendicante» – e tu, come cantautore, odii i cantautori o le relazioni con i tuoi colleghi sono di sostegno e supporto reciproco?

Io amo infinitamente le collaborazioni, soprattutto quelle che portano alla sperimentazione. Se i cantautori nostrani smettessero di farsi la guerra tra loro (per una briciola di pane) sicuramente ci sarebbero molte più possibilità di incontro e di farsi sentire da una discografia aimè sorda od orientata altrove.

6.Esistono artisti [cantautori, poeti, cantanti, musicisti…] che hanno influenzato nel profondo le tue sonorità e le tue scelte compositive?

Charles Bukowski (da concretamentesassuolo.it)

Esiste un signore, chiamato Charles Bukowski, che mi ha regalato delle emozioni talmente profonde e grandi che nessun altro cantautore o musicista mi ha regalato.
Detto ciò, non smetterò mai di ringraziare Battisti ed i Beatles per ciò che hanno creato e composto.

7.«Il mondo canta storie che parlano d’orrore» e sintetizzi alla perfezione le tragedie quotidiane. Che valore attribuisci all’ironia come forza per attuare un cambiamento storico e sociale? Che ruolo ha l’Arte nell’affrettare una rivoluzione?

L’ironia è consolatrice. L’ironia e l’autoironia mi salvano costantemente dal deporre le armi e dall’abbandonare questo mestiere così precario e instabile.
L’arte potrebbe essere una dei protagonisti di una rivoluzione socio-culturale che in questo paese sarebbe un toccasana. Ma purtroppo non vedo che i giovani (artisti e non) abbiano così fretta di fare una rivoluzione. Si sta ancora “troppo” bene.

8.[Per questa domanda sei autorizzato a colpirmi violentemente con una Fender giacché è querelle infinita – ma non posso evitare portela] il cantautore è un poeta? I cantautori sono davvero i nuovi poeti? Chi sono, per te, i poeti?

Poeta, a mio avviso, è chiunque sia in grado di suscitare con una parola, una frase o un concetto, un’emozione profonda e viscerale che ti porta a pensare, a riflettere, a dubitare, a cambiare punto di vista o di pensiero, a creare a tua volta o semplicemente che ti lascia senza parole… a contemplare.
Perciò poeta è chi scrive ma anche chi dipinge, chi scolpisce, chi ricama, chi costruisce case. Chiunque abbia a che fare con il concetto di emozione e sensazione.

9.Sanremo, i premi, i riconoscimenti – quanto hanno inciso nel tuo iter?

Molto. Credo che senza quei premi non sarei mai arrivato al Festival di Sanremo.

10. «Studiare, lavoro, pensione e poi muoio!». Premesso che pensione per noi, ormai, è sinonimo di entità mitologica, aggiungi: «scagli la pietra chi non seguirà la strada tracciata dalla società» e quale tracciato segnano e seguono i tuoi passi?

I miei passi segnano un cammino, personale, importante.
Sono un artista convinto che le canzoni possono ancora cambiare qualcosa, così come le poesie, i libri, le fiabe. Anche se tutti dicono che l’arte non è essenziale alla nostra sopravvivenza, gli esseri umani hanno bisogno dell’arte… per vivere meglio.

11. «Carmina non dant panem» vale anche in ambito musicale? Perché i «soldi facili» sono ancora un imperativo esistenziale per molti/troppi artisti?

Se parli di artisti giovani/emergenti i soldi contano perché anche l’artista deve vivere: deve pagare l’affitto, le bollette, il mangiare e senza i soldi necessari alla sopravvivenza non si va lontano.
Se invece ti riferisci al perché i grandi artisti già ricchi si vogliano arricchire ancor di più, credo che valga lo stesso identico concetto del mondo del calcio o della politica: l’uomo, aimè è un essere che non si accontenta mai, quindi più soldi hai, più pretendi e più ne desideri.

Nel grazie, Jacopo, ancora e sempre


Maggiori dettagli...


Share/Save/Bookmark




ChiaraDaino.it © 2011

ARCHIVIO STORICO

03 Ottobre 2012 12:00:00
SOLDI FACILI E REPUBBLICA MUSICALE: INTERVISTA A JACOPO RATINI


03 Ottobre 2012 09:13:00
JACOPO RATINI: *LA MUSICA TORNERÀ


25 Settembre 2012 10:40:55
FUROR VIVENDI: NOVE FRAMMENTI


25 Settembre 2012 10:40:55


Vedi tutti...