Chiara Daino
CORPI DI CARTA CHIARA
SIETE DEI SIETE DEI
Il Leggio
2016, Romanzo
L'Arte del Ragno L'ARTE DEL RAGNO
Lulu.com
2015, Versi
Al Pubblico Nemico AL PUBBLICO NEMICO
Lulu.com
2014, Romanzo
Siamo Soli [morirò a Parigi] SIAMO SOLI [MORIRÒ A PARIGI]
Zona Editrice
2013, Romanzo
L'Eretista L'ERETISTA
Sigismundus Editrice
2011, Romanzo
Lupus Metallorum LUPUS METALLORUM
Lulu.com
2011, Opera Martire
Metalli Commedia METALLI COMMEDIA
Thauma Edizioni
2010, Poema Borchiato
Virus 71 VIRUS 71
Aìsara Edizioni
2010, Versi
La Merca LA MERCA
Fara Editore
2006, Romanzo
Blog



Chiara Libre Estratto da Chiara Libre
24 Settembre 2009 04:38:33

«La storia del metallo è la storia della civiltà. Sono due realtà inseparabili:
l’una dipende dall’altra per il proprio sviluppo»


[citato da Vasco La Salvia in:
Archeometallurgy of lombard sword, from artifacts to a history of craftsmanship]





il massacro che sono, – sapevi chi ero:

ero tutto! – quello che mai, non hai mai visto
io ero la ferita, e didentro quel tuo scheletro
ti cavo e ti ficco – laggiù – sotto quella lapide


io sono la lama, il sogno dell’uomo
dell’uomo fiero – io sono – lo stilo
e sono il Coltello, insegno lo squarcio
nella tua vita – [ sono io, la sciabola:]

io sono la spada, la parola più Divina


tenta pure, come ti pare, tanto non puoi vincere
sono io che taglio le teste, io chi trancia il teschio
io ferisco: affondo, e posso – falciare all’istante
tutto – dipende: dalle mosse che porti. a termine

io sono la lama, sono la speranza in rovina
sono il coltello che opera: la morte in vita
io sono il bisturi, per inciso, incido per te
sono l’arma che incide chiara la parola fine



io sono l’ascia – che ti congela cadavere
sono la scure che ti secca lungo la tratta
io sono la spada, porto la voce: «timore
di Dio» – sono la spada [io esigo non esito!]

e sfilano i secoli, resti cenere – nella corrente
io resto e resterò luce, lucendo nello scandalo
del metallo che incarno, dell’acciaio che senti
come cantano i morti, com’è il coro del ferro

io sono la lama: eccome
mieto ogni tuo «giuro!»
io sono la lama: diritto, rovescio – e ti taglio!
io sono la lama, la lama – della lancia sacra
io sono la mazza, io sono il calcio in bocca
il pugno in faccia [lo schiaffo alla coscienza]
io sono l’ascia che annienta – come mosca
ogni protagonista [fine del topo per ogni poeta]



io sono la spada: e seguo la mansione divina

[I am the sword, Motörhead, da Lupus Metallorum]





Leggenda vuole che prima – fu: La Gioiosa. Prima. Altachiara venne prima. Così dice la Leggenda. Prima della Lama. Prima di Lemmy che è – Ora. Di mettere i puntini sulla o di Motörhead! Fioretto per il mese di marzo: smettere il fodero. Smettere il sangue: sono stanca della veste rossa. Abito da tempo – l’autolesionismo e il mea culpa, il perdono e il taglio delle braccia. Delle mie ferite, delle mie molte bocche, nel rito/ritiro, nel macero, nelle conche di silenzio. Lasciata sola, con la mia spada. E farmi male – mi è sempre riuscito bene! Alla fine, lo sapevi – tu, come tutti – ferire a morte chi ho molto amato, un Amico, non ero in grado. E tu hai calpestato – come tutti – il corpo di donna, stanca. Stanca di essere sola e solo quel corpo – di donna. E chi calpesta oggi, forgia domani: la lama che sono.
E mi spoglio di quel corpo di donna, e nudo il fodero e: guardami ora! La bella veste bianca dell’arma! È il mio corpo nuovo, è la mia lingua chirurga et MULTA – METALLA! e si prepara: quel corpo a corpo, organizza! Ora vediamo: chi orgasma…

Mi hai lasciata – come tutti – sola. Quello che non sai, che non sai ancora, che non vedi come brilla la lama – è il filo, è pronta e si prepara. E quando ti trova? Puoi scommetterci: tutta la tua ipocrisia, la tua chitarra sospesa al muro, quel tuo culo che troppe volte ti ho salvato, quella tua ganga come la cagna tanto frigida quanto mi odia, e giocati anche il diploma!, da infermiere [no! non faccio mai confusione! E l’uno e l’altro – vi verrò a trovare],… scommetti? scommettete pure!, che tanto: la spada chiara – quando promette, mantiene. E sempre ti passa: a trovare. La verità, mio caro Damocle, pende. La verità ti trova. Per dovunque continui la tua fuga. Ti trova. La verità è pazienza infinita, è goccia che ti scava. La fossa. La verità centellina l’attesa di quel solo, preciso, colpo di spada. E schianta. Te e chiunque abbandona, ma non ammazza. Non è così che si spurga una coscienza: certa merda – ritorna, perfetta perché cresciuta, da quella fogna che l’ha deietta e scaricata.


Mi avete lasciato. Sola, con le bare piene delle vostre secrete intimità. Quelle che più non volete qualcuno scopra. Avete dato l’arma in mano alla bambina. E la bambina impara, anche da sola. L’efficacia di un’arma – l’efficacia di una lingua. Che cambia: e la bambina e l’arma. E diventa: la bambina con l’arma. E imita: la bambina è come l’arma. Poi metafora e poi modifica – tutta la genetica. E la bambina è l’arma e l’arma è la bambina. E tu? Sei una spada? Sei una spada che basta per la bilancia? La patria – come la pelle – si salva col ferro! Ricordi Brenno e Camillo? Ricordi quella bambina? Estàsiati! Voce imperativa! È un’arma! Miracola! l’Essere: l’Arma! Il vantaggio che mi titilla la vittoria: io sono. E ti conosco. Io sono e vi conosco, tutti. Puoi tu? Potete, forse, dire? E dire – lo stesso – di me?


Liquidare nella follia non è semplice – quando la follia è lucida – come la spada [che senti quanto ficco la mia risata a fondo?] – dalla cute che ti calotta il cranio al corpo cavernoso che ti coccola i coglioni – farò passare la lama, prima. E la lingua, poi – sulle mie labbra, in glifo di ghigno. E farò trapassare il tuo tempo, tutto il tempo perso con te, e con tutti gli altri. E leccherò la bellezza del gesto, che non dirmi ti sei dimenticato: eri sempre al mio fianco. La spalla, sempre presente. Al mio fianco. E non: nel fianco. La spina – che lenta, nella carne, infettava. Non capii. Non volli capire. Non uccise. E si sa: fortifica. E sull’unghia di quell’alba ho capito: ero sola. Lo sono sempre stata. Sull’unghia di quell’alba – si è aperta una nuova forma. Non ero più. Non avevo più pelle, né carne, né ossa, non i piedi, non le mani, non più zigomi. Non una bocca, non uno spazio vuoto, non più il sesso né lo scheletro. Mai più: la bambina. Sull’unghia di quell’alba ero sola, ero solo: un disegno perfetto e un’anima di metallo.


«Tu non cammini, tu non ti muovi, tu fendi l’aria – di taglio»: questo mi disse, varcata l’alba, il Fabbro. E ancora: «affonda! L’elsa non ti appartiene. Nessuno ti manovra. E nessuno ti può manovrare. Mai più». E questo è l’inizio che impatta l’essere altro, l’arma una, una volta squarciata la tela – spicca e sibila e strazia! La lama, offesa, ora offende. La lama una. Con una sola, grande verità: posso combattere da sola. E da sola combatto. Ti combatto, vi combatto. E nello scontro, non scordarti: sono più dura di te, sono più dura della “vecchia bambina-me”, e sono decisamente più precisa più lucida e più furiosa di te. Io sono la solitudine. L’arte delle spada. È tardi perché qualcuno mi regali uno scudo. Sono spada e penso spada. E scrivo spada. E spada scrive la sua poetica: nel sangue. E spada pratica, pratica l’atto – dell’ultimo segreto, che l’unghia di quell’alba incise – le lettere, sul ferro battuto. Un motto, un motto uno, intarsiato:





L’IRA


decisamente: il mio peccato preferito




http://lellovoce.altervista.org/spip.php?article1795

http://lellovoce.altervista.org/spip.php?article1776



Maggiori dettagli...


Share/Save/Bookmark




ChiaraDaino.it © 2011

ARCHIVIO STORICO

24 Settembre 2009 04:38:33
Absolute [Metal] Poetry


22 Settembre 2009 20:28:16
Absolute [YOUNG] Poetry - CHIARA DAINO


15 Settembre 2009
Notte Bianca - parte 3


Vedi tutti...