Chiara Daino
CORPI DI CARTA CHIARA
SIETE DEI SIETE DEI
Il Leggio
2016, Romanzo
L'Arte del Ragno L'ARTE DEL RAGNO
Lulu.com
2015, Versi
Al Pubblico Nemico AL PUBBLICO NEMICO
Lulu.com
2014, Romanzo
Siamo Soli [morirò a Parigi] SIAMO SOLI [MORIRÒ A PARIGI]
Zona Editrice
2013, Romanzo
L'Eretista L'ERETISTA
Sigismundus Editrice
2011, Romanzo
Lupus Metallorum LUPUS METALLORUM
Lulu.com
2011, Opera Martire
Metalli Commedia METALLI COMMEDIA
Thauma Edizioni
2010, Poema Borchiato
Virus 71 VIRUS 71
Aìsara Edizioni
2010, Versi
La Merca LA MERCA
Fara Editore
2006, Romanzo
Blog



La poesia e lo spirito Estratto da La poesia e lo spirito
24 Dicembre 2009 07:00:14

«La letteratura non è innocente»: Acuto Bolaño Docet.

E quanto più colpevoli perché consapevoli: i Letterati. [I letterati inconsapevoli non sono. Punto e Croce]. Pure: l’essere consapevoli sembra subordinato all’essere cannibali. Nei tempi che furono e forse furono solo favole che mi frissero i neuroni – l’Arte era Cibo. Ora gli Artisti si cibano di altri Artisti. E io che pensava, incallita illusa, l’Opera fosse. E fosse il Senso unico e ultimo. Pur tra i primi e presenti nel quando si deve discutere/dibattere/duellare, se il confronto non si conclude con la crescita e con la creazione – lo scempio è lo spreco, sterile e sistematico, di parole e di polmoni.

E chi ha il metro più lungo e chi ha il nome più grosso, chi l’amante più quotato, chi l’editore più dorato, più dotato, chi è meno transavanguardista,  chi piùpiù postpostrealista, chi l’oltrebucolico e chi il superomanticomico, … Timpanitorturati e pupillepiagate più non reggono. E per Natale mi regalo una fiamma felice: [m]andare all’inferno e…

seguitò Cooper mio e segenduolo io
dimandai: «ch’è mai codesto scempio?»
L’omo chino dentava cranio marcio

e pria che il mio maestro favellasse
la tronfia bocca alzò dall’ateo pasto;
rispose roditor e senza s’interpellasse:

«I fui dell’ode il barbaro leone
lo professore del metro sovrano
I fui chi luminò verbo italiano

baciatemi la mano, baciamano
al mio didietro, baciatemi dunque
ch’ora, toh!, fagocito’l Sanguineto:

sollevo il mondo dal suo peccato
ei che grappolò lo gruppo malefico
maldicato guano fu pubblicato:

plagi più schiere di sordidi seguiti
tristo l’evo onde si spaccian poeti
mal’editor di stenti malfruiti!

voi futuristi, disastro funesto
ite! voi tristi sembianti cadaveri
torno al pesco, al putrido mio pasto,
Metal non è mestier che digerisco».

Tosto ch’enunciò sì gran iniquizia
dei Metallica colpì l’Anatema:
schianta ch’insulta la Metal Milizia!

deus ex machina, Trujillo atterra
rovina’l suon che’l castigo scatena
vien colui che all’arma: il tuona e mena

col basso li trapassa, ambe le membra
di due il manico in un li spieda
ora li cucina e così colà

si cena: girarrosto di poeta.
Mala ventura! Carne maldigesta!
spacco di nembi e dall’alto rivolta

per voler di Odino sagra tempesta
d’idromele che bagna nostre gole
poi bionda spuma il ciel versa vasta

dall’etilico genio birra piove
muta poi vino poi grappa d’annata
e caddi come corpo sbronzo cade.

Heavy Metal Christmas and Happy Headbanging New Year!


Maggiori dettagli...


Share/Save/Bookmark




ChiaraDaino.it © 2011

ARCHIVIO STORICO

24 Dicembre 2009 07:00:14
CADAVERI SQUISITI [HM XMAS]


14 Dicembre 2009 21:53:23
IL DISASTRO DELLA SCRITTURA/LA SCRITTURA DEL DISASTRO


12 Dicembre 2009 14:52:05
POESIATOTALE [I'M ON PAROLE]


Vedi tutti...