Chiara Daino
CORPI DI CARTA CHIARA
SIETE DEI SIETE DEI
Il Leggio
2016, Romanzo
L'Arte del Ragno L'ARTE DEL RAGNO
Lulu.com
2015, Versi
Al Pubblico Nemico AL PUBBLICO NEMICO
Lulu.com
2014, Romanzo
Siamo Soli [morirò a Parigi] SIAMO SOLI [MORIRÒ A PARIGI]
Zona Editrice
2013, Romanzo
L'Eretista L'ERETISTA
Sigismundus Editrice
2011, Romanzo
Lupus Metallorum LUPUS METALLORUM
Lulu.com
2011, Opera Martire
Metalli Commedia METALLI COMMEDIA
Thauma Edizioni
2010, Poema Borchiato
Virus 71 VIRUS 71
Aìsara Edizioni
2010, Versi
La Merca LA MERCA
Fara Editore
2006, Romanzo
Blog



LiveUs Estratto da LiveUs
07 Maggio 2012 18:14:58


«At my signal, unleash HELL!», «Al mio segnale, scatenate l’INFERNO!» e quale citazione migliore [anche se la sceneggiatura originale, poi modificata per questioni di comprensibilità, prevedeva l’aderenza storica della formula «Al mio segnale, scatenate i CANI!»] – per introdurre e proporre un dibattito che prevede scontri fratricidi e slavine di improperi?
Affetta da autolesionismo congenito, accettai di confezionare un articolo incentrato sulle Cover Band/Tribute Band, argomento che fa sembrare la disamina sulla produzione poetica contemporanea – una piacevole conversazione tra amici.
Facciamoci forza – Ispanico! Ispanico! Ispanico! – e cerchiamo di stizzire sia i sostenitori delle Cover/Tribute band sia i detrattori. Come? Concentrandosi sulla pratica e tralasciando ogni masturbazione teorica. Concettualmente, in ogni ambito, qualsiasi opinione [valida e motivata] merita rispetto, a prescindere dalle condivisioni e considerazioni personali. Tuttavia, in anni e anni e anni di stretta frequentazione, ho visto musicisti duellare come gladiatori nell’anfiteatro polemico di schieramenti antitetici in nome di un aut-aut imperioso: lunga vita alle Cover/Tribute band versus a morte tutte le Cover/Tribute band.
Al solito, miei cari, non è così semplice e l’ignaro spettatore di questi dibattiti musicali si ritrova precipitato in un dramma grottesco che, generalmente, presenta un copione con le solite battute, variate in base alla collocazione geografica:

«E basta! Un altro tributo a De André! Possibile che a Genova non si possa suonare altro?»

«Noi abbiamo tutti pezzi originali, ma i locali contattano solo i ragazzini di quelle stratocazzo di Cover band! È una vergogna, mea, belin! Son capaci solo di sfruttare i morti!»

«Queste sono cazzate da frustrati! Ti dice niente Buckley? Vuoi mettere l’Hallelujah di Jeff e l’originale di Cohen? E Marilyn Manson, allora?»

«Un pezzo ci sta, ma non puoi paragonare le Cover dei gruppi e dei cantanti affermati con la massa di parassiti che non è in grado di scrivere un pezzo originale! Lo sai che alcuni gestori VIETANO di suonare Smoke on the water nel loro locale?»

«Ignorante fotonico! Questa non è una Cover band, ma una Tribute band! Belin, la sai o no la differenza?»

«Ve lo ricordate Tim Owens? ‘Fanculo! E provate ancora a dire che con le Tribute non concludi un cazzo!»

«Puttanate! Tornò Halford a clamor di popolo!»

«Mea, non ci fecero anche un film? U belin! Come si intitolava?»

«Rock Star, ma era inguardabile!»

«Per avviare un locale, però, Tribute e Cover band sono perfette perché il pubblico preferisce ascoltare i propri miti che degli emeriti sconosciuti!»

«E allora ammazza la Musica! Bravo, bravo, continua così...»

«Senti le minchiate che dici? E Verdi? E Vivaldi? Allora le Orchestre Classiche sono delle Tribute Band più fighe?»

«Gli Apocalyptica hanno capito tutto!»

«...!»

E, a questo punto, il cervello inizia a colarmi dall’orecchio... E sì che volevo solo rilassarmi e godermi un concerto! Quasi quasi rincaso e inizio a discettar di metrica con il primo purista inferocito che trovo in Rete – ché sarebbe decisamente più rilassante.
Mentre medito la fuga, tardo quel troppo che basta per essere impaniata all’Inferno: «e tu, cosa ne pensi?». Aiuto! No, te lo gggiuro, io non penso! Dovrei smettere di fumare, ma per la mia salute – ho preferito smettere di esprimere qualsivoglia parere! In realtà sono solo un ologramma: non sono qui, non mi hai mai vista, magia magia, ora scompaio – POFF!
Va bene, ci ho provato... A noi due, Averno! La via d’uscita è esclusivamente una: spiazza il musicista con la Lettera – ed eccomi a rispondere: «è un problema di traduzione. Il mio Maestro lo spiegò perfettamente: Blake tradotto da Ungaretti non è più Blake. È forse Ungaretti puro?».
A questo punto o mi grandina addosso un insulto [sempre lo stesso, dedicatomi nuovamente proprio venerdì scorso] del tipo: «ma vaffanculo! Ma come cazzo parli? Ma ripigliati!» – o sfrutto l’espressione inebetita dell’inquisitore/interlocutore per sgusciare verso il bancone; assicurarmi una latta di birra; e sopportare il resto della serata...
Una volta provai anche a giocarmela con la Divina Commedia: «e Benigni? Perché non considerare la sua Lectura Dantis come una cover della cover di Carmelo?». Indovinate? Mi regalarono un altro, variopinto, insulto – sbavato rabbioso sul mio muso imperturbato!
E sorrido mentre mi congedo, lasciandovi il fardello di un confronto arduo; e vi saluto sperando nasca un dibattito propositivo; e canticchio quel che non vi scrivo e seguo la regola del saggio: «fai sì che la tua verità – qualunque sia – rimi sempre con qualità».


Maggiori dettagli...


Share/Save/Bookmark




ChiaraDaino.it © 2011

ARCHIVIO STORICO

07 Maggio 2012 18:14:58
COVER BAND & TRIBUTE BAND: L’INFINITA SAGA DI UNA SEGA


23 Aprile 2012 15:04:29
ESEGESI AUDACE: JACOPO RICCARDI PER LA PIETRA CHIARA


02 Aprile 2012 02:20:15
CARMELO BENE E L'INDIFFERENTE PROSSIMO TUO


Vedi tutti...