Chiara Daino
CORPI DI CARTA CHIARA
SIETE DEI SIETE DEI
Il Leggio
2016, Romanzo
L'Arte del Ragno L'ARTE DEL RAGNO
Lulu.com
2015, Versi
Al Pubblico Nemico AL PUBBLICO NEMICO
Lulu.com
2014, Romanzo
Siamo Soli [morirò a Parigi] SIAMO SOLI [MORIRÒ A PARIGI]
Zona Editrice
2013, Romanzo
L'Eretista L'ERETISTA
Sigismundus Editrice
2011, Romanzo
Lupus Metallorum LUPUS METALLORUM
Lulu.com
2011, Opera Martire
Metalli Commedia METALLI COMMEDIA
Thauma Edizioni
2010, Poema Borchiato
Virus 71 VIRUS 71
Aìsara Edizioni
2010, Versi
La Merca LA MERCA
Fara Editore
2006, Romanzo
Blog



LiveUs Estratto da LiveUs
29 Settembre 2014 18:00:24

« Potrei dirti che mi manca,
ma in fondo non è mai andata via »
[Enrico Gaibazzi]



Roberto Tiranti in concerto. Punto fermo. E l’articolo è già un sostantivo che si sustanzia da solo.

Roberto Tiranti

Altro da aggiungere? I tempi e i modi, certo. I tempi e i modi sono fondamentali per qualsiasi forma artistica, sociale, politica, sportiva e storica. I tempi e i modi sono fondamentali per qualsiasi forma linguistica. E la Musica è una Lingua, e la Musica è un Linguaggio. Almeno su questo siamo tutti d’accordo? Benissimo.

Se parlo di PRESENTE, pensi al Tempo o pensi al Dono? Mio Geniale Lettore, siamo tutti utenti [tra le parole più cacofoniche e stitiche della storia, ma “è di pubblico dominio” ogni “pubblico abominio"]. Io Ti invito. Ti invito a presenziare, ad essere presente [se pensante, è scelta tua] e partecipe.

«Impara a ricevere»: è lezione più difficile di quel che possa sembrare. Ti sembra semplice? Impara a ricevere e a raccogliere. E conta. E conta «non ti dico fino a sette, ma fino a settanta volte sette» prima di grugnire, giudicare, gnaulare. I numeri sono infiniti, ma il tempo è eterno.

Come le anime.

Roberto Tiranti



A MEMORIA

Forte mi devi abbracciare, più forte
in futuro mi devo riposare
sono stanco di questa vita stanco
stasera permettimi di sognare
un sogno grande, un sogno bambino:
tutto il dolore sia solo un ricordo!

Un giocattolo rotto, nel ricordo:
l’allegria di un pianto, io mi ricordo
il sorriso tuo sorriso tuo che
scioglie tutte le gelide paure.

Tu eri ovunque tu mi accompagnavi comunque.
Ti ricordo: sei la luce più chiara delle stelle
del cielo, e dal cielo ti sento parlare – sempre

la pioggia è vinta dal cocciuto sole,
oggi è già domani – e finalmente
il mondo è una pace silente.

Per l’estate che ritorna, vicina
tu mi parli nella morbida danza
di rami, di ricordi, rimembranze.

E il dolore di ieri è una memoria distante.

Senza rimpianti: i dubbi sono sciolti
in questa assurda vita che mi stanca
perché la tua voce sempre mi parla.

[I Remember, Roberto Tiranti 2014, versione italiana dell’originale inglese]


Maggiori dettagli...


Share/Save/Bookmark




ChiaraDaino.it © 2011

ARCHIVIO STORICO

29 Settembre 2014 18:00:24
Kintsugi di Tiranti


15 Settembre 2014 16:22:04
Al Pubblico Nemico: Batteria


10 Settembre 2014 11:52:23
Al Pubblico Nemico: Basso


Vedi tutti...