Chiara Daino
CORPI DI CARTA CHIARA
SIETE DEI SIETE DEI
Il Leggio
2016, Romanzo
L'Arte del Ragno L'ARTE DEL RAGNO
Lulu.com
2015, Versi
Al Pubblico Nemico AL PUBBLICO NEMICO
Lulu.com
2014, Romanzo
Siamo Soli [morirò a Parigi] SIAMO SOLI [MORIRÒ A PARIGI]
Zona Editrice
2013, Romanzo
L'Eretista L'ERETISTA
Sigismundus Editrice
2011, Romanzo
Lupus Metallorum LUPUS METALLORUM
Lulu.com
2011, Opera Martire
Metalli Commedia METALLI COMMEDIA
Thauma Edizioni
2010, Poema Borchiato
Virus 71 VIRUS 71
Aìsara Edizioni
2010, Versi
La Merca LA MERCA
Fara Editore
2006, Romanzo
Blog



Chiara Libre Estratto da Chiara Libre
30 Aprile 2008 01:45:14




E ti facevi chiamare padre.
Preteso, imposto, eretto. Dall’alto. Quel nome: padre. Dall’oltre dei miei tre anni. E chi era quel signore? E perché rideva? Nella mia famiglia non si ride. Non si fa. Punto.
Eri chi si doveva: chiamare padre. Per decreto di divorzio. E mangiavo vetro. Mai un taglio, ma le schegge, strette in bocca, ora sono: servite! E odiavo i tuoi bagni di unto, la violenza sul cibo, sui corpi. Vischio e rigonfio di maschio. Non era: mista di sangue – non eri. Mio padre.
Ma una mole di lardo – esibito e ostentato, in ottima salute! – per soffocare. Tutto. E non si dice. Nella mia famiglia non si parla. Punto. Ubi maior, minor/rigor mortis. E non si piange. I deboli e i malati piangono. Secca la lacrima chiara: «quella ragazza ha dei problemi. È da curare: non è normale». Vomito la tua morale [normale?]: chi ha il soldo ha lo scettro. Finito l’obbligo. Libera dal castigo.
Non nominare un padre, invano.
Sorpresa e inattesa: il bianco latte è bianco zanna e ora – dove lo meni il tuo bianco sborra? E come ti gira il giorno della gola? La lama fa paura? O si fredda o si fugge. La figlia che non volevi [e volevi fottere] è femmina. Adulta. Adulterata.
Non vuoi più che ti chiami padre?
«Me ne vado, ma tu non duri. Si vede: sei una suicida». Del crepato come/quando non è certezza. Non io a farti strada. Prima la bava poi la bile! E nel lasso, sciolto il laccio, cosa hai concluso? Una causa. Una giusta [un’altra] sposa. Io resto. E non dimentico. Eppure scrive. Nel nome del Padre – che la firma.

E Daino non crede.

Più. Alle prediche. Alle parole. Ai molti maschi. Al morbo che mi volete. Alla maschera di morte. Alle mani: si vuole muta, mantide, misera. Forse non sono: io. Non sapete. Non è vista al di là. Cavalca una cometa. La capisci? Tu dici? Non incassa. Incalza. Incede. Previsioni del tempo?


Après moi, le déluge…



C.D.


Maggiori dettagli...


Share/Save/Bookmark




ChiaraDaino.it © 2011

ARCHIVIO STORICO

30 Aprile 2008 01:45:14
MOLTO MASCHI


30 Aprile 2008 00:09:24
SANTOROCK 2008


29 Aprile 2008
Santo Rock Festival 2008: Anteprima on the Beach


Vedi tutti...