Chiara Daino
CORPI DI CARTA CHIARA
SIETE DEI SIETE DEI
Il Leggio
2016, Romanzo
L'Arte del Ragno L'ARTE DEL RAGNO
Lulu.com
2015, Versi
Al Pubblico Nemico AL PUBBLICO NEMICO
Lulu.com
2014, Romanzo
Siamo Soli [morirò a Parigi] SIAMO SOLI [MORIRÒ A PARIGI]
Zona Editrice
2013, Romanzo
L'Eretista L'ERETISTA
Sigismundus Editrice
2011, Romanzo
Lupus Metallorum LUPUS METALLORUM
Lulu.com
2011, Opera Martire
Metalli Commedia METALLI COMMEDIA
Thauma Edizioni
2010, Poema Borchiato
Virus 71 VIRUS 71
Aìsara Edizioni
2010, Versi
La Merca LA MERCA
Fara Editore
2006, Romanzo
Blog



PostPopuli Estratto da PostPopuli
24 Marzo 2012 16:07:08

di Chiara Daino

«Parla, o anziano, ciò ti s’addice,

ma con discrezione
e non disturbare la musica»
[Sir 32, 3]

PROLOGO: L’INCONTRO

«Non ti cambi? Tra poco arriverà il prete per la benedizione delle case! E tu sembri uno zombie di Romero… Non ti cambi?». «No! Non mi cambio! No!, Il Signore Dio fece all’uomo e alla donna tuniche di pelli e li vestì. E la mia tunica di pelle [e borchie] non la nascondo! Capisco che una figura incappucciata nella felpa dei Metallica, tra teschi e sangue e Jimbo irato, non sia l’immaginario più pacificante – nell’immaginario collettivo, ma non mi cambio! Sono figlia di Dio, tanto quanto un colletto bianco o una velina acquaesapone! Sono figlia di Dio e di Dio». E intonando Ronnie James frullò il bricco di caffè sul muso del suo vicino d’appartamento: «ti rendi conto? Ogni giorno un’apocalisse nuova e dovrei travestirmi da brava ragazza? E che cosa significa? Le brave ragazze – le concepisco e le traduco solo in un’accezione multilinguistica: le ragazze coraggiose. Punto. E precisiamo: a trent’anni sarei una donna, fiera dell’Etica Metallara, prima di ogni estetica e a prescindere da qualsiasi moda o capriccio stilistico. Non mi cambio! Mi valga pure l’inferno, se basta questo!». E spolmonava e grandinava ulcere sul giovane dal viso glabro e dall’occhio rassegnato.

Campanello. E scardina all’interno la porta, furiosa perché è convinta che Gesù se ne sbatta di come lei si vesta!

Fratello Metallo (da virginradioitaly.it)

«Tu devi essere Chiara Luce» – esordisce il Prete. Lei l’invita ad entrare [come si deve invitare un vampiro] e conoscendo, da brava ligure, Chiara Badano, risponde: «dovrei, ma sbaglia Chiara». «Non importa» – continua il prete avanzando oltre la soglia – «tu sei santa!». Lei china il capo rimbalzando su James Hetfield che le ruggisce sul petto e ride: «non credo il Pontefice sarebbe d’accordo». E Don Emanuele sorride solare e si presenta: «per cortesia, ti sembro uno di quei preti che non conoscono e che demonizzano il Rock e il Metal?». Spiazzata, tentenna: «prego?». E il Don s’illumina di passione: «Grande Cesare! Come potremmo non amare Fratello Metallo? Lui l’ha detto e ridetto: giudicare i Metallari come tutti satanisti sarebbe come giudicare una sciarpa solo dalle rare frange!». Lunga pausa e poi, molcendo lo sguardo, aggiunge: «e lo stesso dovrebbe valere per i preti. Non siamo tutti pedofili».
Touché!
Mai prendere il peggio come regola e mai confondere messaggio e messaggeri.

ATTO PRIMO: LA TONSURA
E partirono dal batterista, da quel suo amico batterista che preoccupava, di doppiacassa in doppiacassa, i genitori: «è posseduto!». E chiamarono il parroco che, sfoggiando baffoni alla Lemmy, tranquillizzò i capifamiglia sistemandosi alla batteria demoniaca e intonando tutta la sua gioventù: «Silver Machine» e tributo agli Hawkwind!

E partirono da Fratello Metallo, dalla tonsura e dal video che le tranciò la cassa toracica. E nuovamente fu pietrificata: «non dovete viverlo come un abbandono, come una rinuncia o come il ritorno della Santa Inquisizione – ma come il Rispetto per la Veste e la Fede che ha sposato nella piena coscienza di aver seminato. Ora sta a voi germogliare, fiorire e far fruttare il suo Operato». E dopo un improvvisato duo, cantando Believe, sui Savatage si abbracciarono – salutandosi.

ATTO SECONDO: POETALLICA
E dove il prete abbracciò, più di un poeta ringhiò – all’insulto e alla bestemmia, perché il Metal NON è Poesia. E con un colpo di pinna borchiata li smascherò, gloglottanti prevenuti, con semplice stratagemma: tradusse più di una lirica *chiodata* e senza rivelarne la provenienza e [prevista reazione che giàsapeva] sgranava i trentadue cavalieri bianchi della sua dama rossa, ridendo per i complimenti…
La Musica Metal come viatico/veicolo Culturale e Poetico – è realtà innegabile, da sempre.

Dalle “origini onomastiche” [c.f.r. Uranian Willy, the heavy metal kid di Burroughs] il legame che mesce, contamina, fonde e sposa, in alchemica armonia – Letteratura & Heavy Metal – è legame vincolante per qualsivoglia Critica ad ampio spettro: la Lettera Aurea deve molto [anche] alle Lyrics dell’Acciaio, più puro e più pesante. Blake [Virgin Steel], Coleridge [Iron Maiden], Dante [Sepultura e Ancient], De Sade e Pessoa [Moonspell], Milton [Elend e Paradise Lost], … Sono solo alcune Coppie Nobili e degne di Nota. O almeno: dovrebbero esserlo. Pure: l’italietta gerontofila, misera e miope della “cerchia colta” è troppo presa dal farsi mutue fellatio mentali per riconoscere l’importanza divulgativa a mezzo Marshall.

E lei sostiene e supporta con inoppugnabile precisione filologica [benché necessiti ancora tempo e tempo di studio] quel ch’ama chiamare la Doppiacassa Di Dante [Pluto dice “con la voce chioccia” (Inferno, Canto VII) e la glossa riporta: “rauca, fra l’aspro e lo stridulo” (Ediz. Garzanti) – e non è ipotizzabile si tratti di protogrowling? O, quanto meno, della prima attestazione scritta di una sonorità definibile protogrowling?].

ATTO TERZO: IL METALLO TI SALVERÀ [anche dalla crisi economica]

Bruce Dickinson (da brucecruce.altervista.org)

«Crisi». E si riassume tutto il panorama (economico/politico/artistico/umano/ecosistemico) mondiale. Pure: di tutte le manovre, azioni, rivoluzioni – per riemergere e combattere, resistere e contrastare, quella che le scintillò ogni globulo reca la firma di Bruce Dickinson. Astraeus Airlines, compagnia aerea che alle voci piloti di linea e direttore marketing riporta anche il nome di Setteottave Bruce, ugola degli Iron, fallisce. Come salvare i dipendenti in mobilità? Bruce Dickinson si mobilita per rilevare la compagnia, salvare i colleghi e creare 1500 posti di lavoro. A light in the black? Sure! That’s Metal, Folks!

EPILOGO: ALL I ASK OF YOU IS BELIEVE
Credere: è Voce? È Verbo? È Volontà? Credere è. Il verso imperativo.
Chi crede a chi? Chi non crede a che cosa? Provare per credere? Vedere per credere? È questione di fede. E quale senso sacro? Quale religione? È una scelta personale. E si sceglie. Anche di affrontare e di vivere la vita come una reazione. Una reazione a catena che vede le nostre mani giunte come anelli di un solo saldo proposito: resistere. E insistere, contro lo spauracchio del Mulino onnipotente. Noi esercitiamo il diritto e il dovere di scegliere, rifiutando la codardia di chi accetta, supino, di lasciarsi plagiare e plasmare da ogni atteggiamento persecutorio e passivante. In nome della nostra Passione, abbiamo bussato: alle porte del Paradiso. Abbiamo bussato: alle porte del possibile. Abbiamo buscato. Noi non abbiamo mai smesso. Di credere e d’incassare, di agire e di reagire. Noi che non riusciamo [quasi mai] a farci capire, a farci aprire: porte e permessi. Per essere: altro. Per esprimerci: oltre.

Noi siamo una persona plurale di singoli decisi a destinarsi: un domani diverso. Un tempo nostro. Ora che il vostro «divide et impera» perde presa? Ora che vi divora: una generazione grave, una generazione gravida di giustizia. Ora: come seccate i secondi? Come a Sparta? Come vi liberate dei figli scomodi, dei figli diversi, dei figli malati? Come sistemate i figli che non si sistemano nel sistema?

Contro ogni previsione, contro le maledizioni, contro tutte le mafie: siamo cresciuti. Uniti. Illusi e delusi. Siamo ancora qui. A fare famiglia. A fare futuro. A dire. La nostra parola precisa e piena. Barricata comune – alle lacrime, ai lividi. Noi siamo chi si aiuta. Chi affonda: due dita nella gola dei vostri governi, dei vostri pregiudizi.

Perché la parola capace forza le vostre prigioni. Avete auspicato: il peggio per i posteri. Abbiamo un augurio, uno solo: lunga vita! Lunga vita a Voi! Ve l’hanno detto mai? Sir John Davies l’ha inciso a fuoco: «NON giudicare il dramma prima che sia finito»… Ve l’hanno detto mai? C’è chi crede. C’è chi è. E continua a credere. A chiamarsi: fratello e sorella. Un passo fermo, graduale, solido. Il nostro. Negando e negati, siamo ancora qui. Abbiamo fuso: arti e parti. Abbiamo fuso: le vostre coscienze plastiche. Cambiato il fuso, siamo noi il tessuto connettivo di un organismo nuovo. Cambiato il fuso: siete voi fuori orario, fuori tempo massimo. È troppo tardi per riparare l’argine.
Non potete più fermare: i bimbi con le borchie.

Sì le canto per dir d’esto forteto:
«non far lo sodomita, se scribente
non lavarti nel lirico secreto!

Non andar tra la poetica gente
che munge ti minge, stregghia, ti cinghia!
Non viate – nello Gotha dolente

stacci Puoti orribilmente ringhia:
essamina tuo testo con disgusto;
giudica qual purista e t’avvinghia

per farti mal garante del buongusto!
Sprimi te stesso non quei ch’altro pande!
Non soccombere mai – a quest’angusto

scempio della natura tua, sii grande
anco tra’i gran tacchini che sol citano:
chi crede – flamme de Metalle spande
sulli paupulanti, quei che sol vìtano!»


Maggiori dettagli...


Share/Save/Bookmark




ChiaraDaino.it © 2011

ARCHIVIO STORICO

24 Marzo 2012 16:07:08
TO BELIEVE: PRETI, POETI E METALLARI


28 Febbraio 2012 03:10:56
PER UN NEMICO DEGNO: COME L'ARTISTA NON SI FELPA LA LINGUA


28 Febbraio 2012 03:10:56
PER UN NEMICO DEGNO: COME L'ARTISTA NON SI FELPA LA LINGUA


Vedi tutti...