Chiara Daino
CORPI DI CARTA CHIARA
SIETE DEI SIETE DEI
Il Leggio
2016, Romanzo
L'Arte del Ragno L'ARTE DEL RAGNO
Lulu.com
2015, Versi
Al Pubblico Nemico AL PUBBLICO NEMICO
Lulu.com
2014, Romanzo
Siamo Soli [morirò a Parigi] SIAMO SOLI [MORIRÒ A PARIGI]
Zona Editrice
2013, Romanzo
L'Eretista L'ERETISTA
Sigismundus Editrice
2011, Romanzo
Lupus Metallorum LUPUS METALLORUM
Lulu.com
2011, Opera Martire
Metalli Commedia METALLI COMMEDIA
Thauma Edizioni
2010, Poema Borchiato
Virus 71 VIRUS 71
Aìsara Edizioni
2010, Versi
La Merca LA MERCA
Fara Editore
2006, Romanzo
Blog



Moulin Rouge Estratto da Moulin Rouge
09 Agosto 2008 12:13:11

http://www.genovatune.net/recensioneExt.php?id=508

VICENZO PASTANO: «IL TRISTE VERO»

 

 

 

 

«The saddest noise, the sweetest noise,
The maddest noise that grows»

 

«Il suono più triste, il suono più dolce,

Il suono più singolare che sorga»

[E. Dickinson]

 

 

Vincenzo Pastano [accompagnato da: Antonello D’Urso (Chitarra), Ivano Zanotti (Batteria), Michele Turchi (Basso), Alberto Linari (piano e Tastiere)]: compro verità

 

  • Il giardino dei fiori morti
  • Non ritorna più
  • Per non morire
  • Ragni d’oro

 

http://www.vincenzopastano.com/

http://www.myspace.com/vincenzopastano

http://www.myspace.com/doctorstudios

 

 

 

Prima l’Uomo – e poi: la sua versione compressa. Compro verità è dichiarazione di intenti/incanti: Vincenzo Pastano fissa la realtà come fittadensa distesa di dolore.  «Non mi lamento» – precisa – «soffro in musica» e stende: estende le corde negli spazi di vita chiusa nella teca dai vetri oscurati, riflette al di là –  della “nera cortina” per vedere oltre e dentro l’autòs [ad esso – senza mentire]. Lontano dal senso solare di felici/facili motivi, Vincenzo “romanza la morte” con sincerità, quella “morte” che è: continua, catarsi e catastrofe [lo spartito è s-cambio, si rivolta ogni intimo sentire]. Sono s-brani sinestetici: «penso per suoni e ogni pezzo è un colore che non sia il giallo». E suggella l’urgenza di suonare: sale sul sangue, sale sul palco, sale la lacrima di chi non maschera – il triste vero.

Colpisce il suo essere: “cantore del Pathos” – l’emozione suscitata nell’ascoltatore [Aristotele docet] è il solo scopo. Entrare in contatto nel cerchio che è credo: e sposa –  i segni, siano cicatrici, note, parole. Un autore che “legge” i Cure e cita Emily Dickinson, nei passi, nei solchi di Alda Merini e Type O Negative, insieme. E proprio le liriche puntellano ogni [suo] costruire/creare: una poetica che parla italiano. Per non tradire, per tradursi al meglio. E le sue “verità” sono ventaglio ti timbri e tempre [con testi di Luca Carboni, Andrea De Luca, Barbara Cola, Fabrizio Bordogna, Giacomo Barbieri, Alberto Despini, Giovanni Marinelli, Igor Macchia].

Ogni traccia impronta la ricerca dei suoi “simili”, l’istante condiviso, compreso, mai concluso: «la Musica non finisce» – e procede. Ragno d’oro intesse i fili rossi, tendini e timpani. Teso nel contatto. Con l’altro: occhi che scandagliano/scandiscono il particolare, «un eccellente osservatore, una non comune  umiltà» – sottolinea Michele Turchi. E chi [ne] scrive lo conferma: in tanto, troppo [!], sfoggio di pavoni gonfi, Vincenzo non vuole e non deve dimostrare [suona con Luca Carboni dal 2004, ha collaborato con Lucio Dalla, Stef Burns, Fede Poggipollini, Marc Ursell, Beppe D’Onghia, Barbara Cola, Roberto Terzani, George Mann, N.d.R] ­– si dona e si dedica. A chi può e sa: ricevere.

La verità: la radice di chi crede, conforme al Reale – l’amalgama resa, si alza e si segue. Eleva, esegue: volume al volere.

On y va…

 

Chiara Daino

 

 

 


Maggiori dettagli...


Share/Save/Bookmark




ChiaraDaino.it © 2011

ARCHIVIO STORICO

09 Agosto 2008 12:13:11
VINCENZO PASTANO


06 Agosto 2008
Vincenzo Pastano


04 Agosto 2008 09:17:05
Mon gosier de métal


Vedi tutti...